Approfittando dell’indebolimento del Regno di Sukhothai viene fondata dal principe Uthong, nel 1350, la città di Ayutthaya, che diventerà in breve tempo la capitale dell’omonimo regno e che estenderà il suo dominio sui territori confinanti, saccheggiando Angkor, la capitale dei Khmer e annettendo Sukhothai nel 1377. In questo periodo i Siamesi vivono un periodo di massimo splendore, sviluppando nuove conoscenze nei campi artistici, economici e medici. Molti furono i contatti e i rapporti commerciali con le grandi potenze asiatiche ed europee che consentirono l’espansione su vasti territori di tutta l’Indocina fino ai sultanati della penisola malese. Enormi sviluppi avvengono anche in ambito marziale, il Mai Si Sok viene ora chiamato Pahuyuth e diviene fondamentale nelle moltissime battaglie vinte durante l’espansione del Regno. In questo periodo i meriti principali dello sviluppo dell’arte marziale siamese, anche al di fuori della guerra, vanno assegnati a due grandi sovrani. Il primo è Naresuan il Grande, durante il cui regno il Pahuyuth viene definito “l’arte dei re” e i Siamesi “il popolo delle otto braccia”. Il secondo è Phra Buddha Chao Sua (il Re Tigre), il quale praticava e amava a tal punto l’arte marziale, da girare tutto il Regno in incognito per sfidare in combattimento tutti i migliori campioni, spesso e volentieri vincendo grazie alla sua ferocia. Dopo numerosi momenti di crisi superati, il Regno di Ayutthaya cadde definitivamente nel 1767 sotto i colpi del popolo Birmano che saccheggerà la capitale distruggendola quasi completamente e dando origine al mito di Nai Khanom Thom.

Copyright © 2016 All Rights Reserved - Muay Thai Roma - Codice Fiscale 97899490581